Primapagina Storie di vita 

Le stelle cadenti

La notte di San Lorenzo, quella del 10 agosto (il giorno di San Lorenzo, appunto), è quella in cui tradizionalmente si guardano le stelle cadenti. Il motivo è che anticamente il 10 agosto era maggiormente visibile lo sciame meteorico delle Perseidi, il fenomeno comunemente noto come “le stelle di San Lorenzo”. Ai giorni nostri, tuttavia, il momento migliore per guardare le stelle cadenti è più avanti di circa due giorni: nella notte tra il 12 e il 13 agosto.

Le stelle cadenti non sono stelle: sono frammenti meteorici che si sono generati dalla disintegrazione di un nucleo cometario originario (una cometa) e che formano uno “sciame meteorico”. Le stelle di San Lorenzo appartengono al gruppo di detriti chiamato Perseidi, dal nome della costellazione di Perseo, e attraversa l’orbita terrestre durante il periodo estivo: nelle ore di maggiore attività è possibile rilevare circa cento scie luminose osservabili ogni ora a occhio nudo dalla Terra.

Ogni anno sulla Terra cadono 40 mila tonnellate di pezzi

Detto questo, quando cade una stella e il nostro occhio ne visualizza la scia ci sembra una magia ed è ancora più magico quando la si vede in due! E capita di rado, perché nel momento stesso in cui vedi la scia è troppo tardi per avvisare il tuo compagno di banco!

Nella vita di tutti i giorni, cadono centinaia di cose………cadono i toni, cade lo stile, cadono le calze.

Ed è pur vero che con l’età che avanza cade la pelle….cade il seno, cadono le chiappe e cadono anche alcuni tabù.

Rimane il fatto che una sera, ad una festa mi è caduto il respiro……occhi che incontrano occhi, mano nella mano, cade una stella e la vediamo assieme. Presagio? Forse si.

Sta di fatto che dopo due giorni leggo per caso una chattata e, mi cadono le palle e scusate se non è poco….ho 40 mila tonnellate da smaltire e pensavo fosse amore e invece era un calesse (Massimo Troisi n.d.r.)

Comunque ogni giorno cade qualcosa. Dalle mani ci cade di tutto. Chiavi, borsa, accendino, fazzoletto di carta, matita per gli occhi, occhiali, carta di credito, monete…..a volte anche la speranza e spesso la pazienza

Comunque io ho visto una stella cadente e non era il 10 agosto…..uhhhh mi è caduto il cellulare cazzo!!!

Grazie a Giovanni Bignami, Presidente dell’istituto nazionale di astrofisica per le delucidazioni sulle stelle cadenti.

E come sostiene la mia amata Olivia Newton John….Xanadu……i sogni e le speranze non “cadono” mai.

E possiamo chiudere in bellezza?

Related posts

Leave a Comment